hitz trends



contact us
sms Call whatsapp facebook instagram youtube

download - trap beat 140320
site designed by Jayvoice
New beat
wait ibadi Olofof Rock spell Fire u afrobeat

WWE Royal Rumble 2021: i nostri pronostici

advert area

call to place your advert banner here +2348100526724 0r +2348112034599
WWE Royal Rumble 2021: i nostri pronostici

 

Siamo finalmente giunti al primo PPV della WWE del 2021, uno degli eventi più attesi ed entusiasmanti dell’anno e, personalmente, il mio preferito. Anche se nel mondo non tutto è tornato alla normalità ed anche se questi effetti si continuano a far sentire nel mondo del wrestling, il periodo della Royal Rumble è sempre uno dei più stimolanti per i fan, tra rumors e fantasie varie; in quest’ottica, la WWE proverà a spingere di nuovo sull’acceleratore in occasione dell’inizio della Road to WrestleMania.

Quindi non perdiamo altro tempo e tuffiamoci subito nei pronostici dell’edizione 2021 della Royal Rumble.

WWE Women’s Tag Team Championship: Asuka & Charlotte Flair vs Nia Jax & Shayna Baszler:
Nell’ultimo mese (o forse un po’ di più) la divisione femminile ha subito un trattamento pieno di ripensamenti.

La WWE aveva annunciato il match titolato tra Sasha Banks e Carmella a SmackDown, ma poi ha cessato di promuoverlo, mentre a Raw le campionesse di coppia hanno iniziato delle rivalità in singolo contro Alexa Bliss e Lacey Evans e Shayna Baszler sembrava lanciata verso un push in singolo.

Alla fine, così un po’ a caso, probabilmente solo per riempire la card dell’evento, è stato annunciato il rematch titolato dell’incontro che abbiamo visto a TLC. L’hype è veramente basso e non vedo in che modo si dovrebbe essere interessati a questa difesa titolata quando, più avanti nella serata, tre su quattro di queste atlete parteciperanno al Royal Rumble Match.

Benché un nuovo regno delle heel avrebbe assolutamente senso, e sarebbe anche auspicabile per il bene delle cinture, penso che Asuka e Charlotte Flair manterranno ancora i titoli di coppia, in attesa di sviluppi che ci facciano capire quale sia stato il punto nella formazione di questo tag team.
Vincitrici e ancora campionesse: Asuka & Charlotte Flair

WWE Universal Championship: Last Man Standing Match: Roman Reigns vs Kevin Owens:
Nelle ultime settimane SmackDown si è rivelato un ottimo show televisivo e bisogna ammettere che questa rivalità è una delle ragioni principali.

Forse è inutile continuare a dirlo, ma voglio ripetere ancora una volta che questa nuova versione di Roman Reigns ha veramente quel qualcosa in più di cui la WWE aveva disperatamente bisogno. Anche Kevin Owens ha contribuito enormemente alla buona riuscita della storyline grazie alle sue doti nell’essere un ottimo babyface e alle sue incredibili capacità al microfono.

Questo sarà l’ultimo match della rivalità e la stipulazione del Last Man Standing mi sembra appropriata sia per il prestigio dell’incontro che per la storia raccontata, e quindi per la resilienza mostrata da Kevin Owens.

Sul vincitore però, pochi dubbi: Roman Reigns trionferà nuovamente e continuerà a farlo almeno fino a WrestleMania 37. Bisogna vedere se, ancora una volta, l’intervento di Jey Uso sarà necessario alla sua conferma e se saranno usati mezzi pochi legali (ma validi in un incontro del genere) per atterrare una volta per tutte Kevin Owens.
Vincitore e ancora campione: Roman Reigns

WWE Championship: Drew McIntyre vs Goldberg:
Siamo arrivati ad uno dei match più discussi degli ultimi mesi.

Sull’inserimento di Goldberg in questo match se ne sono sentite di tutti i colori: ci sono quelli che sono contenti di rivederlo sui ring della WWE, poi quelli che non ne sentivano la mancanza; ci sono quelli che non sono d’accordo sul concedergli una chance al titolo massimo ed infine quelli che sostengono (ma non apprezzano) la decisione della WWE per il bene del business.

Diciamo che io mi posiziono in quest’ultimo gruppo, perché odio l’idea che il regno del buon Drew McIntyre possa essere interrotto da un Goldberg ripescato solo per promuovere questa Road to WrestleMania, ma al tempo stesso capisco perché la federazione di Stamford l’abbia fatto.

Mi aspetto che l’incontro in sé per sé sarà anche divertente, visto che sarà un match altamente fisico e molto breve, ma ciò che interessa veramente a tutti è il risultato finale.

Siamo abituati a vedere Goldberg tornare a caso e prendersi un titolo solo per costruire un futuro match degno di nota a WrestleMania, ma rivedremo lo stesso copione ancora una volta? Nonostante tutte le critiche piovute dai fan? La mia risposta è sì.

Lo so, una sconfitta di Drew McIntyre sarebbe totalmente incoerente in questo momento, ma so anche che Goldberg, da contratto, ha pochi match all’anno e che la sua partecipazione a WrestleMania andrebbe pompata al massimo.

Spero vivamente di sbagliarmi, ma la creazione della card dello Showcase of the Immortals di quest’anno sembra essere ancora in alto mare e riesco ad immaginare come la WWE possa decidere, in preda al panico, di andare “sul sicuro” e di mettere il titolo sulla vita di Goldberg per organizzare un big match a WrestleMania 37.
Vincitore e nuovo campione: Goldberg

30-Women’s Royal Rumble Match:
Arriviamo finalmente alle due Royal Rumble e partiamo con quella dedicata alle donne.

Quest’anno la WWE non ha organizzato dei match per i titoli singoli durante il PPV quindi tutte le lottatrici del roster sono disponibili per partecipare alla Rissa Reale. Senza togliere nulla alle atlete di NXT (che hanno la migliore divisione del mondo), preferirei se quest’anno i posti liberi fossero riservati ad alcune leggende del passato e che le Superstar di NXT partecipassero solo in caso di debutto ufficiale nel main roster (senza fare nomi…).

Arrivando alle possibili vincitrici, queste si riducono a due possibilità secondo me. La prima è Alexa Bliss, che da poco si è riaffacciata alla lotta titolata ed è diventata ormai una presenza fissa nelle storyline principali di Raw; la rivalità con Asuka è già partita e la WWE potrebbe anche organizzare una doppia vittoria del duo “fiendesco” in caso di vittoria di Bray Wyatt della Rumble maschile.

La seconda è Bayley: anche se la sua rivalità con Sasha Banks è conclusa, l’ex Hugger potrebbe essere comunque una buona scelta come contendente al titolo di SmackDown, anche perché sarebbe un reato escluderla da WrestleMania dopo tutto ciò che ha fatto nell’ultimo anno.

Mi sentirei, invece, di escludere Bianca Belair, che potrebbe comunque arrivare al Grandest Stage of Them All in un match per il titolo, ma dubito che la compagnia voglia concedere l’onore di vincere una Royal Rumble ad una semi-debuttante piuttosto che a una lottatrice più affermata e della quale si fidano di più.

Il mio pronostico ufficiale per la vittoria è Bayley, perché secondo me la lotta per il titolo di Raw non coinvolgerà Alexa Bliss e perché questa occasione è l’ultima rimasta alla Role Model per qualificarsi nuovamente come sfidante di Sasha Banks.
Vincitrice: Bayley

30-Men’s Royal Rumble Match:
Anche se pare che la WWE non abbia ancora le idee chiare sulla card di WrestleMania, uno degli sfidanti ad un titolo massimo verrà scelto questa domenica e l’incertezza quest’anno è a livelli molto alti.

Al contrario delle ultime edizioni, quest’anno l’hype sembra essere tutto rivolto allo scoprire chi riuscirà a vincere questo Royal Rumble Match, più che a chi saranno gli ingressi a sorpresa, sui quali non ci sono molte aspettative vista anche l’assenza di un pubblico live.

Anche in questa contesa ho alcuni favoriti: il primo è The Fiend, che tornerebbe a farsi vedere sul ring proprio in occasione di questo evento dopo il match con Randy Orton di TLC. In caso di difesa di Drew McIntyre, una sfida tra lo scozzese e Bray Wyatt potrebbe essere una buona idea per WrestleMania, ma, per come stanno avanzando le storyline, la rivalità con Randy Orton sembra allungarsi sempre di più ed ho la sensazione che lo scontro finale possa avvenire al Grandest Stage of Them All, ovviamente senza alcuna cintura in palio.

Poi c’è Daniel Bryan, forse il favorito per eccellenza fin dall’annuncio della sua partecipazione. Sono mesi che sentiamo rumors secondo i quali il suo scontro con Roman Reigns verrebbe rimandato di mese in mese e WrestleMania potrebbe essere la cornice perfetta per questo match.

Infine abbiamo Edge, che ha annunciato il suo ingresso nella Rissa Reale solo lunedì a Raw ma che potrebbe ri-sorprendere il mondo vincendo la Royal Rumble un anno dopo il suo storico ritorno. Inoltre, sembra che i piani per Edge vs Randy Orton a WrestleMania stiano sfumando e qualcosa mi dice che lo scontro Spears vs Spear che la federazione voleva proporre lo scorso anno potrebbe essere riciclato a WrestleMania 37 ma nella forma di Edge vs Goldberg.

La vittoria di Edge sarebbe un buon modo per chiudere il PPV in bellezza e sarebbe in linea con tutti i ragionamenti da me fatti in questi paragrafi, ma il mio pronostico ufficiale è Daniel Bryan. È vero, la presenza della Rated R Superstar potrebbe aver cambiato i piani della WWE e riesco ad immaginarmi il creative team che, in un momento di panico, decide di andare sul sicuro con la vittoria di Edge, ma questo sarà con tutta probabilità l’ultimo anno da full-timer di Daniel Bryan e credo che la compagnia voglia dargli la soddisfazione di essere incluso nella ristretta lista di wrestler che hanno vinto una Royal Rumble, specialmente dopo che le edizioni del 2014 e 2015 furono letteralmente boicottate dai fan per la sua mancata vittoria.
Vincitore: Daniel Bryan

La WWE e l’eredità della Royal Rumble

La Royal Rumble continua ad essere uno dei momenti più stimolanti per l’intero panorama del wrestling mondiale, anche in un anno particolare come questo in cui il pubblico sarà il grande assente della serata; il ThunderDome copre bene la sua assenza, ma la mancanza di pop da stadio sarà un elemento di cui si sentirà la mancanza.

Con questo cala anche la probabilità di assistere a ritorni o apparizioni entusiasmanti, ma la WWE è stata brava ad incanalare tutto l’hype verso la vittoria finale dei due Royal Rumble Match che, come avrete potuto leggere dalle mie analisi, sono piuttosto imprevedibili.

Anche il resto della card non è solo riempitivo in attesa dei piatti forti, ma si tira dietro la sua buona dose di hype, soprattutto per quanto riguarda Drew McIntyre vs Goldberg, anche se qui più che di hype si dovrebbe parlare di terrore… Ad ogni modo le controversie e le polemiche fanno parte del gioco in questo caso e negli anni anche loro hanno contribuito a creare il grande fenomeno che è diventato la Royal Rumble. Nella sua prima edizione dalla morte del suo ideatore, Pat Patterson dovrebbe guardare in basso fiero di sé.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.